Menu Chiudi

Come coltivare talee di ortensia: le 3 regole che devi conoscere per farlo con successo

talee di ortensia

Scopri le 3 regole fondamentali per coltivare con successo le talee di ortensia. Dalla scelta della giusta talea alle tecniche di radicazione, ecco tutto quello che devi sapere.


L’ortensia è una delle piante ornamentali più amate grazie alle sue fioriture spettacolari. Ma come si fa a moltiplicare questa meraviglia del giardino? La risposta sta nella coltivazione delle talee, un metodo efficace e gratificante. In questo articolo, esploreremo le 3 regole d’oro che ti aiuteranno a farlo con successo. Se sei un appassionato di giardinaggio o semplicemente un amante delle ortensie, questo articolo è il punto di partenza perfetto per te. Con le giuste informazioni e un po’ di pratica, sarai in grado di goderti le ortensie in tutto il loro splendore anno dopo anno.

Scegliere la giusta talea

La prima regola, e forse la più importante, è scegliere la giusta talea per la tua ortensia. La scelta della talea giusta è fondamentale per garantire una coltivazione di successo. Esistono diversi tipi di talee, ognuna con le sue specifiche caratteristiche e requisiti.

Esistono principalmente tre tipi di talee:


  • Talee erbacee: Queste sono prelevate da piante giovani e sono generalmente più facili da radicare. Sono ideali per chi è alle prime armi con la coltivazione delle talee.
  • Talee semi-ligneuse: Queste talee provengono da piante un po’ più mature e sono un buon compromesso tra facilità di radicazione e robustezza.
  • Talee ligneuse: Queste sono prelevate da piante mature e possono richiedere più tempo per radicare, ma sono spesso più resistenti e adatte a condizioni climatiche più estreme.

La scelta tra questi tipi dipenderà da diversi fattori, come il tuo livello di esperienza, le condizioni climatiche e il tipo specifico di ortensia che desideri coltivare.

  • Talea di punta: Questa talea include la parte superiore della pianta e le foglie più giovani. È la più comune e spesso la più facile da radicare.
  • Talea di gemma: Questa talea include una gemma da cui crescerà una nuova pianta. È un metodo più avanzato e richiede una maggiore attenzione ai dettagli.
  • Talea di nodo: Questa talea è prelevata da un nodo lungo il fusto della pianta e può essere più difficile da radicare, ma è spesso più robusta una volta che ha preso.

Il momento in cui scegli di prelevare la talea può avere un impatto significativo sul tuo successo. Generalmente, è meglio evitare il prelievo di talee durante l’inverno, quando la pianta è in uno stato di dormienza vegetativa. Il periodo ideale è durante la tarda primavera o l’inizio dell’estate, quando la pianta è in piena crescita.


Tecniche di radicazione

Una volta scelta la talea, il passo successivo è la radicazione. Questa fase è cruciale per garantire che la tua talea cresca in una pianta sana e robusta. Esistono diverse tecniche per farlo, ognuna con i suoi vantaggi e svantaggi. Ecco una panoramica più dettagliata delle tecniche più comuni.

La radicazione in vaso è la tecnica più semplice e comunemente utilizzata. Per farlo, avrai bisogno di un mix di terra per piante acidofile e sabbia. Questo mix garantisce un buon drenaggio, che è essenziale per prevenire la marciume radicale. Pianta la talea nel terreno, assicurandoti che almeno un nodo (o due) sia ben interrato. Dopo aver piantato la talea, annaffiala bene e copri il vaso con una busta di plastica per mantenere un ambiente umido.

  • Radicazione in acqua

Alcuni giardinieri preferiscono la radicazione in acqua, che è un metodo un po’ più diretto ma richiede attenzione. Immergi la parte tagliata della talea in un bicchiere d’acqua, evitando che le foglie tocchino l’acqua. Cambia l’acqua ogni pochi giorni e attendi che si formino le radici. Una volta che le radici sono abbastanza lunghe, la talea è pronta per essere trapiantata in terra.

  • Margottaggio

Il margottaggio è una tecnica più avanzata che prevede la creazione di radici da una parte della pianta madre ancora attaccata alla stessa. Per farlo, scegli un ramo basso e fai un taglio parziale nel fusto. Quindi, interra questa parte tagliata nel terreno vicino alla pianta madre. Una volta che le radici si sono formate, il nuovo ramo può essere separato dalla pianta madre e piantato come una nuova ortensia.


Tempo di radicazione e cure successive

Ecco alcuni fattori da considerare :

  • Posizione: Scegli un luogo riparato dal vento e semi-ombreggiato per favorire la radicazione. Una posizione troppo esposta potrebbe disidratare la talea, mentre troppa ombra potrebbe rallentare la crescita.
  • Stagione: La primavera e l’inizio dell’estate sono i periodi migliori per la radicazione, ma anche la fine dell’estate può essere propizia se le condizioni climatiche sono favorevoli.
  • Cure addizionali: Mentre alcuni giardinieri utilizzano fertilizzanti o ormoni radicanti per accelerare il processo, spesso le tecniche naturali sono più che sufficienti. Assicurati di mantenere il terreno umido ma non bagnato e di controllare regolarmente lo stato delle radici.
talee di ortensia
photos © stock.adobe

Coltivare talee di ortensia può essere un’attività estremamente gratificante. Seguendo queste 3 regole fondamentali, avrai tutte le carte in regola per goderti la bellezza delle ortensie nel tuo giardino o sul tuo balcone. La pazienza e l’attenzione ai dettagli faranno la differenza, garantendoti una coltivazione sana e rigogliosa.